Home

Bacheca X - Racconti erotici da autori amatoriali

Tarda notte in ufficio - by Giulia. Esplora la fantasia di Giulia di rendere più eccitante la tarda notte in ufficio con questa storia erotica.

Tarda notte in ufficio - by Giulia

Cerchi più divertimento?

Guarda i nostri SPONSOR:

canale Telegram video e GIF X ADULTI 🔞

canale Youtube video X ADULTI 🔞

GIF X ADULTI - Canale Telegram 100% gratis con video 🔥🔥🔥 e GIF 🔥🔥🔥... La compagnia ideale per quelli "momenti di solitudine" sul divano! Assolutamente consigliato! 🔞

canale Telegram Video e GIF per Adulti

Blog Adulto

Perché gli uomini cercano l’amore su siti di annunci donna cerca uomo o bacheca incontri?

 

Le motivazioni dipendono dalle circostanze personali di ciascuno, ma soprattutto perché gli uomini hanno un forte desiderio di... (leggi tutto l'articolo)

Youtube video x adulti

VIDEO X ADULTI - Canale Youtube con video piccanti 🔥🔥🔥 e altre curiosità... 🔞

Ti piace la narrativa per adulti? Inviaci il tuo racconto erotico per adulti e noi lo pubblicheremo qui! ❤️

Tarda notte in ufficio -  by Giulia

     Tutti sapevano che a Giulia piaceva stare in ufficio molto tempo dopo che tutti gli altri erano andati a casa. La sua etica del lavoro era una leggenda dell'ufficio.

 

     Ecco perché Giulia non fu sorpresa quando Claudio entrò nel suo ufficio una sera tardi, portando con sé una tazza di caffè fumante.

 

     "Sono qui per tranquillizzarvi" - disse Claudio. "Visto che vi disturberò nelle prossime settimane condividendo con voi l'edificio a tarda notte".

 

     Giulia si è tolta gli occhiali, ha accettato il caffè e ha mostrato un sorriso disarmante ad Claudio. "Va bene Claudio. Devo avvertirti, però, che restare qui dopo l'orario d'ufficio non è il modo più eccitante di passare le serate.

 

     "Davvero?" - chiese Claudio, alzando un sopracciglio. "Voglio dire che sei sempre qui. Cosa c'è di più eccitante di questo?"

 

     Con questo uscì dall'ufficio, e Giulia dovette reprimere il fuoco che la sua presenza aveva alimentato.

 

     La mattina dopo Giulia frugò nel cassetto della biancheria intima e trovò perizomi velati e un reggiseno di pizzo abbinato.

 

     Si mise il suo completo e fantasticava sulle dita di Claudio che si staccava la camicia dalla gonna, strappava la camicia di cotone per rivelare il reggiseno, liberava i seni e gli prendeva i capezzoli in bocca.

 

     Quella sera, in ufficio, Giulia pensava a malapena al lavoro prima di lei. Sentì Claudio muoversi nel suo ufficio a poche porte di distanza da lei e la sua immaginazione andò in sovraccarico.

 

     Che tipo di amante era? Avrebbe sgombrato tutto e l'avrebbe portata amorevolmente sul tavolo? La piegherebbe sul tavolo e la prenderebbe da dietro? C'era un solo modo per scoprirlo.

 

     Lei uscì in corridoio e fece due tazze di caffè. Ha portato queste due tazze nell'ufficio di Claudio e ha sospirato quando lui l'ha accolta con il suo caratteristico sorriso a forma di fossetta.

 

     "Una tazza di caffè per lei" - disse, cercando di mantenere la sua compostezza sotto il suo sguardo intenso.

     "Cosa ha un sapore migliore? Tu o il caffè?"

Giulia si è composta da sola. Non è rimasta indifferente come ha agito.

     "Credo ci sia un solo modo per scoprirlo" - ha detto, mettendo le tazze di caffè sul tavolo di Claudio e camminando verso di lui.

 

     Si mise dietro la sua scrivania e lo mise a cavalcioni. La sua bocca sulla sua era sia di fuoco che di ghiaccio. Le sue mani giocarono con i capelli di lei mentre la sua bocca devastava la sua. In qualche modo, il bacio sembrava la cosa più naturale del mondo.

 

     Lei spezzò il bacio e lo guardò negli occhi di lui, e il desiderio che vedeva in loro quasi la paralizzava.

     "Non sai quanto ho fantasticato di baciarti, di toglierti i vestiti e di spogliarti come un regalo squisito" - ha detto Claudio.

     Le ha sbottonato la camicia lentamente e ha spostato le coppe del reggiseno fino a quando il suo seno non si è rovesciato sopra la parte superiore e nella sua bocca in attesa.

 

     L'ha allattata affamata, un capezzolo in bocca e un altro tra il pollice e l'indice. Giulia pensava che sarebbe morta di piacere.

 

     Cominciò a ondeggiare sotto di lui e fu ricompensata quando sentì la sua durezza d'acciaio prendere vita sotto di lei. Piegò la testa e gli baciò il punto del polso e dietro le orecchie. Era contenta quando Claudio gemette con la bocca piena di capezzoli.

 

     Giulia non ce la faceva più. Gli slacciò la cintura e lo liberò. Si inginocchiò e lo prese in bocca. Lui si mise a gemere quando lei lo portò fino in fondo alla gola. La sua lingua si mise al lavoro accarezzandolo, succhiandolo e massaggiandolo.

 

     Lei ha accelerato il suo ritmo quando il suo girovita ha cominciato a muoversi e lui si è mosso dentro e fuori dalla sua bocca con una velocità fulminea.

     Le tenne la testa e la supplicò di fermarsi.         "Per favore, lasciatemi restituire il piacere!"

 

     La sollevò dalle ginocchia e la mise sulla scrivania. Le spinse il perizoma di pizzo e la accarezzò con un dito, poi due, infine tre.

     Lei tirò indietro la testa e inarcò la schiena. La sua lingua le cinse il clitoride e la fece quasi impazzire. Lei premeva il suo viso sul suo calore umido e gemeva dolcemente.

     I suoi occhi sembrarono storditi quando lui le staccò le dita.

 

     Le aprì le gambe fino all'estremo e le entrò dentro con la lingua. La sua bocca le lambì avidamente i succhi della sua figa bagnata.

     Giulia gemette e si dondolò contro il suo viso.

     "Ti prego, ti voglio dentro di me adesso".

     "Qualsiasi cosa per la signora" - rispose Claudio con un sorriso malizioso.

 

     Si alzò in piedi e sollevò Giulia dal tavolo. La piegò, le tirò la gonna sopra la vita, le fece scivolare le mutandine di lato e la infilò in un colpo solo, fino a seppellirla fino all'elsa.

 

     Giulia si aggrappò al bordo del tavolo. Lui in un movimento ritmico, spingeva dentro di lei ancora e ancora.

 

     Lei gli ha dato una spinta e poi un'altra, facendo rotolare i suoi fianchi fino a farli ansimare entrambi. Lui era tutto ciò che lei immaginava e poi un po' di più.

 

     Giulia era sicura di essere vicina al bordo, ma Claudio si fermò bruscamente.

     "Mi divertirò con te da tutte le angolazioni" - disse. Si allontanò da lei e la girò per affrontarla.

 

     Lei si sedette sul tavolo e si distese per lui. Le spinse le mutandine di lato e le entrò in una sola spinta pulita. Con le gambe di lei avvolte intorno alla vita, iniziò un rapido ritmo di spinte nette e profonde.

 

     Giulia urlò mentre il suo corpo scuoteva con il rilascio… Claudio non riusciva più a trattenersi. La guarda e esplose in un climax violentissimo dentro di lei.

 

 

 

Condividi questo racconto:

Su queste pagine troverai racconti erotici di qualità per adulti, storie vere e diverse fantasie sessuali di ogni tipo.

 

Puoi leggere le confessioni piccanti, narrate direttamente dai rispettivi autori, emozionanti avventure di sesso, trasgressioni e molto altro ancora.

 

Racconti erotici scritti da chi non ha paura di vivere appieno la propria sessualità. Tutti completamente gratuiti.

Racconti erotici da autori amatoriali tratti dalla vita reale
"La mia prima volta... da dietro" - by Anonima

“La mia prima volta... da dietro” -  by Anonima


Una storia erotica raccontata in prima persona dalla mia prima esperienza nel sesso anale.

Altri racconti erotici

"La storia perversa di Banshee" - by Amelia Ranzi

"La storia perversa di Banshee" - by Amelia Ranzi

 

Un racconto in prima persona della prima esperienza di sesso orale di Banshee.

“Orale di maturità” -  by Gianlucamoto

“Orale di maturità” -  by Gianlucamoto


I giochi sessuali di due adolescenti. Scopri come Marzia ha passato la sua ultima notte scolastica.